Pronostici Europei Under 21: presentazione e quote antepost. L'Italia nel Girone C con la Germania favorita

Venerdì 16 Giugno 2017 in Polonia iniziano gli Europei Under 21. Chi vincerà?

Davide Belsito
13/06/2017

Iniziamo l'analisi sugli Europei Under 21 di calcio al via il prossimo 16 Giugno 2017 in Polonia. In questo articolo andiamo a presentare le 12 squadre che compongono i tre gironi. L'Italia è nel Gruppo C con Germania, Repubblica Ceca e Danimarca.


Venerdì 16 Giugno 2017 in Polonia inizia l'Europeo Under 21 che terminerà a fine mese con la finalissima in programma nella capitale al Krakow Stadium. Chi succederà alla Svezia campione in carica dell'edizione 2015 dove trascinata da bomber John Guidetti riuscì a superare nella finale di Praga dopo i calci di rigore i super favoriti del Portogallo? Ecco la presentazione di formula, gironi, squadre e quote antepost:

GRUPPO A
Il primo girone dell'Europeo Under 21 curiosamente vede al suo interno sia i campioni in carica che il paese ospitante. La Svezia si presenta senza i favori del pronostico ma punta sui gol del promettente attaccante del Malmo Pavel Cibicki reduce da un'ottima stagione. L’erede di Guidetti sarà Gustav Engvall del Djurganden. La Polonia arriva all'europeo casalingo in pieno caos visto che all’allenatore Marcin Dorna è stata negata la possibilità di portare i due giocatori del Napoli Arkadiusz Milik e Piotr Zielinski. La società partenopea in vista del Preliminare di Champions League non vuole correre rischi. Occhi puntati sul centrocampista Bartosz Kapustka, talento inesploso di questa stagione (in maglia Leicester ha giocato solo tre volte in FA Cup e mai in campionato) che in un torneo breve del genere può mettere in luce il suo ottimo palleggio.

Grande attesa nel vedere all'opera l’Inghilterra, la favorita del girone e tra le principali candidate alla vittoria finale. Non ci sarà Dele Alli che a livello anagrafico potrebbe partecipare persino al prossimo di Europeo ma che ormai ha definitivamente lasciato alle spalle della sua carriera l’esperienza con le giovanili. Tra gli assenti illustri anche Ruben Loftus Cheek. Ci saranno invece tanti giocatori attesi al riscatto dopo una stagione sottotono come James Ward Prowse e Chalobah. Occhi puntati sull'ala in forza al Southampton Nathan Redmond. Chiude il Gruppo A la Slovacchia, nazionale con il ruolo dell’incognita che si presenta senza stelle alla manifestazione continentale. Nel girone di qualificazione però ha fatto fuori squadre del calibro di Olanda e Turchia segnando molto e subendo pochissime reti.


GRUPPO B
Nel secondo gruppo le due favorite Spagna e Portogallo non devono sottovalutare le due mine vaganti Serbia e Macedonia. La Spagna è senza dubbio la squadra favorita del girone e anche per la vittoria finale dell'europeo potendo contare su tantissime stelle come il fresco campione d’Europa con il Real Madrid Asensio, autore anche di un gol nella finale di Cardiff contro la Juventus. Nonostante la giovane età sono giocatori d'esperienza e affidabili i vari Saul dell’Atletico Madrid, Deulofeu del Milan e Inaki Williams dell’Athletic Bilbao. Attenzione anche ai tantissimi altri talenti come Marcos Llorente (uno dei migliori centrocampisti della Liga di quest’anno) e ai terzini Grimaldo del Benfica e Bellerin dell'Arsenal.

Il Portogallo parte leggermente indietro alle Furie Rosse ma si presenta con una buona filosofia e struttura delle giovanili. Due anni fa i lusitani arrivarono secondi alle spalle della Svezia e per tentare il riscatto hanno dominato un girone abbordabile con solo Grecia e Israele come insidie. Occhi puntati sui centrocampisti Renatos Sanches del Bayern Monaco (campione di Euro 2016 con la nazionale maggiore un anno fa ma non convocato per la Confederations Cup), Ruben Neves del Porto e Bruno Fernandes della Sampdoria.

La Serbia, che nel girone di qualificazione ha chiuso alle spalle dell'Italia superando la Norvegia nello spareggio finale, punta sul nuovo acquisto della Fiorentina Nikola Milenkovic, Andrija Zivkovic del Benfica e marko Grujic del Liverpool. La Macedonia va a caccia di un secondo miracolo dopo aver chiuso il girone di qualificazione al primo posto davanto alla super favorita Francia. La stella della squadra è senza dubbio David Babunski, centrocampista cresciuto nelle giovanili del Barcellona e ora in forza alla squadra giapponese del Yokohama Marinos.

GRUPPO C
Purtroppo gli azzurrini guidati da ct Gigi Di Biagio giocheranno nel girone a nostro avviso più duro dell'Europeo Under 21. L'Italia però ha i giocatori per arrivare sino in fondo. Oltre ai "big" del calibro di Gianluigi Donnarumma e Federico Bernardeschi (non ci sarà invece causa infortunio Alessio Romagnoli), occhi puntati sui difensori Mattia Caldara e Andrea Conti reduci da una stagione strepitosa con l'Atalanta, sui centrocampisti Marco Benassi del Torino, Roberto Gagliardini dell'Inter e Manuel Locatelli del Milan e sugli attaccanti Domenico Berardi del Sassuolo e Andrea Petagna dell'Atalanta.

Il pericolo numero uno degli azzurri è la favorita dell'Europeo Under 21, ovvero la Germania. La selezione tedesca non solo può puntare su nomi di primissima fascia ma soprattutto su un collettivo ben organizzato che alle ultime Olimpiadi di Rio 2016 si è aggiudicata la medaglia d'argento perdendo soltanto in finale dai padroni di casa del Brasile. Selke, Max Meyer, Tah, Gnabry (già in gol con la nazionale maggiore) e soprattutto Dahoud sono i giocatori di punta in forza al ct Stefan Kuntz che però deve fare a meno di Matthias Ginter, Niklas Sule e Timo Werner convocati da Low per la Confederation Cup.


L'incognita del girone è la Danimarca che senza la stella Kasper Dolberg, reduce da una stagione fenomenale con l'Ajax, punta sul collettivo. Qualche chanche in più di passare il girone in caso di un passo falso di azzurri o tedeschi è la sempre ostica Repubblica Ceca che può contare su una buona base di giovani provenienti anche dalla nostra Serie A. La stella più attesa è ovviamente quella di Patrik Schick reduce dalla buona stagione con la Sampdoria e fresco acquisto della Juventus. Da tenere d'occhio Jakub Jankto, centrocampista esterno dell’Udinese in grande forma.

LA FORMULA
Fino alla scorsa edizione, che vedeva ai nastri di partenza solamente otto squadre, la formula era elementare; la prima del Gruppo A sfidava in semifinale la seconda del Gruppo B e viceversa. Quest'anno invece si cambia e la soluzione escogitata merita un approfondimento. Oltre alle prime tre dei rispettivi gironi, infatti, si qualificherà alle semifinali anche la migliore seconda del torneo. Questo lo schema previsto dal regolamento:

Semifinale 1: vincente Gruppo A vs seconda del Gruppo B/C o vincente Gruppo C
Semifinale 2: vincente Gruppo B vs seconda Gruppo A o vincente Gruppo C

Nel caso in cui la seconda migliore fosse quella del Gruppo A, a sfidarla sarebbe la vincente del Gruppo B: la vincente del Gruppo C giocherebbe invece contro la prima del Gruppo A; nel caso in cui la seconda migliore provenisse dal Gruppo B o dal C, troverebbe in semifinale la vincente del Gruppo A: nell'altro incontro si affronterebbero le prime del Gruppo B e del C.

QUOTE ANTEPOST VITTORIA FINALE
Spagna @4.50 su Gioco Digitale
Germania @5.00 su Unibet
Italia @7.00 su Eurobet
Portogallo @8.00 su Unibet
Inghilterra @12.00 su Eurobet
Polonia @17.00 su *B365*

Svezia @17.00 su Unibet
Danimarca @23.00 su Gioco Digitale
Serbia @26.00 su *B365*
Repubblica Ceca @26.00 su Gioco Digitale
Macedonia @51.00 su Unibet
Slovacchia @55.00 su Eurobet

Scrivi una recensione

Acconsento al trattamento dei dati personali come previsto dal regolamento n. 2016/679 (GDPR)
Davide Belsito
tipsterdarius@gmail.com