Le scommesse sportive, in particolare quelle calcistiche, riscuotono un grande successo tra gli appassionati di betting. I portali di gioco online mettono a disposizione un ricco palinsesto, che comprende non solo le partite dei principali campionati nazionali, ma anche quelle di tornei minori, delle coppe europee per club (come Champions League, Europa League e Conference League) e delle competizioni per nazionali. Handicap nelle scommesse: cosa significa e come funziona in vari sport.

Per ogni incontro, vengono proposte molteplici tipologie di scommesse: si va dal tradizionale 1X2 sull’esito finale, alle puntate sui gol segnati come Under/Over e Goal/No Goal, fino ad arrivare a quelle più specifiche sul rendimento dei singoli giocatori, come primo marcatore, ammonizioni, espulsioni e via dicendo.

Tra le tante opzioni di betting offerte, riscontrano un ottimo successo le scommesse con Handicap. Questa modalità, assegnando uno “svantaggio” virtuale a una delle due squadre, permette di ottenere quote più alte rispetto al classico 1X2. Andiamo quindi ad analizzare più nel dettaglio in questa guida come funziona l’Handicap nelle scommesse sportive.

Cosa si intende per “handicap” nelle scommesse sportive

Il termine inglese “handicap”, che potremmo tradurre in italiano con “svantaggio” o “penalità”, è molto utilizzato nel gergo delle scommesse sportive. La sua origine risale al mondo dell’ippica, altro ambito in cui le scommesse sono molto diffuse, soprattutto nel Regno Unito considerato la patria del betting.

Nelle corse di galoppo esistono infatti le figure degli “handicapper”, incaricati di attribuire ad ogni cavallo in gara un peso da portare in sella, determinato in base a diversi fattori come la forma fisica recente e la categoria di appartenenza. In sostanza, ai cavalli più in forma o che gareggiano contro avversari di livello inferiore viene assegnato un sovrappeso, una sorta di penalizzazione per riequilibrare le chance di vittoria. Viceversa, chi non ottiene risultati da tempo o sale di categoria, viene “aiutato” con un alleggerimento del carico.

Handicap nelle scommesse

Handicap nelle scommesse

Questo sistema è stato adattato al mondo delle scommesse sportive: l’handicap consiste nell’attribuire uno svantaggio virtuale a una squadra o a un atleta, come se partisse con un “peso” maggiore sulle spalle. L’obiettivo è sempre quello di riequilibrare l’incontro, per rendere più incerto il pronostico e di conseguenza più appetibili le quote per gli scommettitori.

Il meccanismo dell’handicap viene utilizzato in moltissimi sport oltre al calcio: basket, tennis, rugby, baseball, hockey su ghiaccio e molti altri. Le modalità di applicazione possono variare, ma il principio di base è lo stesso: soppesare le chance di successo dei contendenti assegnando penalità ideali per rendere la competizione più equilibrata.

Le scommesse con handicap nei vari sport

Una volta spiegato il significato di base del termine “handicap” nelle scommesse sportive, è naturale che tale concetto debba essere adattato alle caratteristiche e alle regole delle singole discipline su cui si può puntare.

L’idea alla base rimane sempre quella di assegnare uno svantaggio virtuale a un contendente, una sorta di zavorra ideale per rendere la gara più equilibrata e di conseguenza le quote più interessanti per gli scommettitori.

Le modalità di applicazione dell’handicap cambiano però inevitabilmente da uno sport all’altro: nel calcio si ragiona solitamente in termini di gol, nel tennis di game, set e punti, negli sport motoristici di secondi e così via.

Nei prossimi paragrafi analizzeremo più in dettaglio come funziona questo meccanismo nei singoli sport, partendo ovviamente da quello in cui le scommesse con handicap vanno per la maggiore: il calcio.

Comparatore Scommesse
Sisal Scommesse

Bonus Benvenuto:5.000€ Salva il Bottino + fino a 250€


Il bonus benvenuto di Sisal è riservato ai nuovi iscritti. Ricevi 5.000€ Salva il bottino + bonus di benvenuto fino a 250€

Betflag

Bonus Benvenuto: Fino a 150€ Senza Deposito + 100% fino €1.000 sul primo deposito

Apri un conto Betflag ricevi un bonus Senza Deposito fino a €150 + il 100% fino a €1.000 sul tuo primo deposito.

Betway

Bonus Benvenuto: 100% fino a €100


Apri un conto Betway e al primo deposito riceverai subito Bonus Scommesse del 100% fino ad un massimo di €100 (deposito minimo €10).

Goldbet

Per i nuovi clienti fino a 1500 € di Bonus


Il bonus benvenuto di Goldbet offre il 100% fino a 500€ + se ti registrerai tramite SPID, un Bonus senza deposito di 1.000€ in Play Bonus Slot.

Quando scommettere sull’handicap nel calcio: consigli utili

Nel valutare se puntare o meno su una scommessa con handicap nel calcio, il primo aspetto da considerare è l’entità dello svantaggio assegnato. Solitamente conviene giocare la squadra gravata dall’handicap quando si ritiene nettamente più forte dell’avversaria, al punto da poter facilmente vincere con 2 o più gol di scarto.

Prendiamo ad esempio una partita tra due squadre dal rendimento molto diverso, come potrebbe essere un match tra una big e una neopromossa. Se alla squadra di vertice viene attribuito un handicap di -1 gol, significa che virtualmente partirà svantaggiata 1-0. In questo caso, ha senso puntare su di essa se si prevede che possa imporsi agevolmente con almeno un paio di reti di margine.

Discorso analogo per handicap ancora più elevati, che presuppongono una vera e propria goleada da parte della compagine sfavorita per coprire la scommessa. Situazioni del genere si possono verificare quando una big affronta una squadra di bassa classifica in un periodo di ottima condizione di forma.

Viceversa, puntare contro l’handicap conviene quando lo si ritiene eccessivo e si prevede un match più combattuto. Scommettere sulla squadra che non ha handicap significa puntare, di fatto, anche sul pareggio. Ad esempio, con un -1 gol per i padroni di casa, la vittoria degli ospiti e il segno X risulterebbero vincenti. Questa “doppia chance” può essere interessante con distacchi virtuali ampi tra le contendenti.

Puntare sulla X con handicap: quando conviene questa scommessa

La scommessa sull’esito X, ovvero sul pareggio, con applicazione di handicap merita qualche considerazione particolare. Se giocare la squadra “handicappata” significa puntare sulla sua netta superiorità e giocare sulla rivale equivale ad una doppia chance, la puntata sulla X è vincente solo in uno scenario ben preciso.

Facciamo l’esempio di una partita di Serie A tra Lazio e Fiorentina con handicap “0-1” a favore degli ospiti. Scommettere sul segno X in questo caso vuol dire prevedere una vittoria della Lazio con un solo gol di scarto: 1-0, 2-1, 3-2 e così via. In tutte le altre eventualità, la puntata sarebbe perdente. Le quote della X con handicap sono tendenzialmente alte e appetibili, ma vanno giocate con criterio.

Prendiamo il Napoli, che negli ultimi campionati si è distinto per il suo gioco offensivo. Nonostante la rosa di alto livello, analizzando i dati si scopre che sono piuttosto rare le goleade, mentre molte vittorie arrivano di misura, spesso con il classico 2-1.

In base a queste informazioni, nelle partite casalinghe con handicap virtuale a sfavore potrebbe valere la pena tentare la fortuna puntando proprio sulla X. Una scommessa rischiosa ma che a volte ripaga con quote elevate.

Le scommesse a handicap nella pallacanestro

Le scommesse a handicap nella pallacanestro

Le scommesse a handicap nella pallacanestro: come funzionano

Anche nel basket è possibile puntare sulle scommesse con applicazione dell’handicap, un meccanismo ormai molto utilizzato dagli appassionati di questo sport. Lo svantaggio assegnato alle squadre si basa sul punteggio, espresso solitamente in formato decimale.

Facciamo l’esempio di una partita di Serie A tra Virtus Bologna e Dinamo Sassari, con la Virtus gravata da un handicap di -7,5 punti. Questo significa che la compagine felsinea deve imporsi con almeno 8 punti di margine affinché la scommessa risulti vincente. Se Bologna vincesse con 7 punti di scarto, ad esempio 75-68, la puntata sarebbe perdente non avendo coperto lo spread richiesto.

A differenza del calcio, nella pallacanestro gli handicap sono quasi sempre con decimali, di conseguenza la possibilità di pareggio è pressoché inesistente. Con un -9,5 per la Virtus, la scommessa sarebbe vincente solo se Bologna si imponesse con almeno 10 punti di margine.

Per scegliere al meglio quando giocare a favore o contro l’handicap nel basket, è bene valutare parametri come la media punti segnati e subiti dalle squadre, i recenti scontri diretti, eventuali assenze pesanti e lo stato di forma. Variabili che possono fare la differenza nel pronostico di una partita.

Puntare sull’handicap nel tennis: ecco come funziona

Anche gli appassionati di tennis possono tentare la fortuna con le scommesse sull’handicap, un meccanismo di betting molto utilizzato anche in questo sport. Nel tennis lo svantaggio viene espresso in termini di set o game vinti.

Prendiamo ad esempio un match del Roland Garros tra Rafael Nadal e Dominic Thiem, con Nadal gravato da un handicap di -1,5 set. Questo significa che per risultare vincente, il campione spagnolo deve imporsi con un punteggio di 3-0 o 3-1, mentre il 3-2 premierebbe chi ha puntato su Thiem. Stesso discorso ragionando in termini di game complessivi.

Così come per il basket, anche nelle scommesse tennis con handicap non è quasi mai prevista l’opzione pareggio, a differenza di quanto avviene nel calcio. Di solito le possibilità sono solo 2: segno 1 o segno 2 a seconda su chi si decide di puntare tra i due contendenti.

Per provare a indovinare il pronostico azzeccato, oltre ad analizzare lo storico dei precedenti scontri diretti può essere utile monitorare attentamente gli ultimi aggiornamenti circa eventuali problemi fisici o infortuni occorsi ai due tennisti. Informazioni che possono rivelarsi decisive ai fini della scommessa.

Le scommesse a handicap sul Tennis

Le scommesse a handicap sul Tennis

Puntare sull’handicap nel rugby: caratteristiche e consigli

Il rugby è uno degli sport in cui il meccanismo delle scommesse con handicap trova migliore applicazione. Spesso infatti le partite di rugby, specialmente a livello internazionale, registrano ampi divari tra le squadre per quanto riguarda i punti segnati.

Anche in questo sport l’handicap è solitamente espresso in formato decimale. Prendiamo ad esempio un test match tra Nuova Zelanda e Italia, con gli All Blacks gravati da uno svantaggio di -20,5 punti. Per risultare vincente, la Nuova Zelanda dovrà imporsi con almeno 21 punti di scarto.

In alcuni casi però vengono proposti handicap con numeri interi, introducendo così la possibilità della X, ossia del pareggio virtuale. Indovinare il preciso distacco in punti è molto difficile, da qui le quote sempre molto alte per questa evenienza.

Soprattutto in competizioni ravvicinate nel tempo come il Sei Nazioni o il Rugby Championship, individuare handicap troppo prudenti o generosi è fondamentale ai fini della strategia di puntata. Lo storico degli scontri diretti e lo stato di forma del momento possono rivelarsi utili indicatori.

Comparatore Scommesse

Bonus Benvenuto:5.000€ Salva il Bottino + fino a 250€


Il bonus benvenuto di Sisal è riservato ai nuovi iscritti. Ricevi 5.000€ Salva il bottino + bonus di benvenuto fino a 250€

5.0

Bonus Benvenuto: Fino a 150€ Senza Deposito + 100% fino €1.000 sul primo deposito


Apri un conto Betflag ricevi un bonus Senza Deposito fino a €150 + il 100% fino a €1.000 sul tuo primo deposito.

4.5

Bonus Benvenuto: 100% fino a €100


Apri un conto Betway e al primo deposito riceverai subito Bonus Scommesse del 100% fino ad un massimo di €100 (deposito minimo €10).

4.3

Per i nuovi clienti fino a 1500 € di Bonus


Il bonus benvenuto di Goldbet offre il 100% fino a 500€ + se ti registrerai tramite SPID, un Bonus senza deposito di 1.000€ in Play Bonus Slot.

4.5

Domande frequenti sulle scommesse sportive ad Handicap

In che modo vengono calcolati gli handicap nelle scommesse sportive? Esiste una procedura standard?

Gli handicap non vengono assegnati in modo casuale, ma frutto di attente valutazioni da parte degli esperti dei bookmakers. Si tiene conto di molteplici fattori, soprattutto quantitativi, come ad esempio le statistiche di rendimento delle squadre, il valore della rosa dei giocatori, i precedenti scontri diretti. L’obiettivo è quello di riequilibrare le chance di successo dei contendenti e bilanciare l’interesse degli scommettitori verso tutti i possibili esiti, alzando le relative quote.

Ha senso puntare sull’handicap anche per partite che sulla carta appaiono “scontate” tipo big contro squadre molto più deboli?

Assolutamente sì. Anche quando il pronostico pende nettamente da una parte, puntare sull’handicap può avere senso per provare a massimizzare la vincita. Se ad esempio una big affronta in casa l’ultima della classe con uno stato di forma pessimo, ha senso tentare la scommessa sull’handicap alto verso la squadra di vertice, prevedendo una goleada. Attenzione però a non sottovalutare mai l’avversario per quanto debole sulla carta.

Come faccio a capire se un handicap proposto dal bookmaker per una partita è equilibrato o meno?

Andando ad analizzare nel dettaglio le statistiche recenti delle squadre: gol fatti e subiti, i risultati più frequenti (vittorie di misura o ampie goleade), difetti strutturali o punti di forza, assenze ecc. Con questi dati si può valutare se lo svantaggio proposto è tarato bene o se esiste un possibile “value bet” giocando a favore o contro quel determinato handicap.

Ha senso utilizzare l’handicap anche per scommesse su altri sport oltre al calcio?

Assolutamente sì. Lo dimostra il fatto che il meccanismo di betting dell’handicap è molto sfruttato anche in discipline come basket, tennis, rugby e in tutti gli sport in cui è presente un punteggio frazionabile. L’handicap serve per riequilibrare le chance tra atleti/squadre di diversa caratura. Ad esempio nel tennis è molto usato per match tra big e outsider.

Puntare sull’handicap conviene più che sul semplice 1X2?

Non si può dire che sia più conveniente in assoluto. Dipende dalla tipologia di partita e dall’entità dell’handicap proposto. Di certo, rispetto alla classica puntata sull’1X2, le scommesse con handicap presentano quote più alte e stimolanti per via dell’incertezza introdotta dal meccanismo dello svantaggio virtuale. Bisogna però saper valutare con cura le reali potenzialità delle squadre per azzeccare il pronostico.

Bet Italia Web è su Google News con le sue notizie e articoli
Comparatore Scommesse

Bonus Benvenuto:5.000€ Salva il Bottino + fino a 250€


Il bonus benvenuto di Sisal è riservato ai nuovi iscritti. Ricevi 5.000€ Salva il bottino + bonus di benvenuto fino a 250€

Bonus Benvenuto: Fino a 150€ Senza Deposito + 100% fino €1.000 sul primo deposito

Apri un conto Betflag ricevi un bonus Senza Deposito fino a €150 + il 100% fino a €1.000 sul tuo primo deposito.

Bonus Benvenuto: 100% fino a €100


Apri un conto Betway e al primo deposito riceverai subito Bonus Scommesse del 100% fino ad un massimo di €100 (deposito minimo €10).

Per i nuovi clienti fino a 1500 € di Bonus


Il bonus benvenuto di Goldbet offre il 100% fino a 500€ + se ti registrerai tramite SPID, un Bonus senza deposito di 1.000€ in Play Bonus Slot.

Bonus Benvenuto: deposita 100€ e gioca con 150€


NetBet ti dà il benvenuto con un bonus speciale, deposita 100€ e gioca con 150€.