Pronostici NBA 30 Dicembre-1 gennaio. A grande richiesta inseriamo gli spunti sulle prestazioni giocatori (prop bet) anche nella rubrica del fine settimana di Basket NBA dove comunque continuiamo ad occuparci anche delle statistiche stagionali più interessanti.

Statistiche Risultati pick Basket NBA

Negli ultimi 7 giorni sono da segnalare due trend interessanti. In ATS gli Underdogs in casa hanno coperto nel 68.8% delle partite. A Natale alti punteggi, ci sono state ben 31 partite da Over (62%) e solo 19 da Under (38%) nell’ultima settimana.

I Portland Trail Blazers (21-13 ATS) si confermano la miglior squadra come rendimento nelle scommesse, agganciati però dai Philadelphia 76ers (20-13 ATS). Subito dietro tre sorprese: Oklahoma City Thunder (21-14 ATS), Indiana Pacers (21-15 ATS) e Sacramento Kings (19-14 ATS).

La peggior squadra su cui puntare è quella dei Miami Heat (12-21-2 ATS) e a stretto giro arrivano i deludenti LA Lakers (13-21-1 ATS). Nonostante un Luka Doncic impressionante, i Dallas Mavericks (13-21-2 ATS) stanno deludendo gli scommettitori (e non solo) al pari dei Minnesota Timberwolves (14-21 ATS) e degli Atlanta Hawks (14-21 ATS).

I LA Lakers (O/U 21-14) sono la miglior squadra da Over, e anche qui seguono i Dallas Mavericks (O/U 21-15). Al contrario i LA Clippers (O/U 15-22) sono i migliori da Under, anche se ultimamente, complice pure il rientro di Kawhi Leonard, questi trend sono cambiati nelle ultime partite trasformando LAC squadra da Over. A sorpresa sono da Under anche i Sacramento Kings (O/U 15-17-1), nonostante Fox e compagni abbiamo il 2° miglior attacco (meglio solo i Boston Celtics). La serie di Under dipende dalle linee enormi che analisti e bookmakers danno ai Kings.

I Boston Celtics (+6.78 punti) hanno il miglior margine medio con cui chiudono le partite, seguono New Orleans Pelicans (+5,24) e Cleveland Cavaliers (+5.19). Confermati i San Antonio Spurs (-8.86) come peggior scarto, a seguire Detroit Pistons (-7.08) e Charlotte Hornets (-6.44). Male anche Houston Rockets (-6.03) ed Orlando Magic (-3.78) ma poi dopo queste pessime squadre arrivano i LA Lakers (-2.03) che scopriamo che nel complesso chiudono le partite con una media di 2 punti in meno rispetto agli avversari.

Pronostici NBA 30 Dicembre-1 gennaio: le partite di venerdì

Orlando Magic-Washington Wizards

Bradley Beal ha segnato 25.8 punti di media dal suo rientro del 18 dicembre, ma è tornato a fermarsi. Kyle Kuzma una certezza invece con 21+ punti segnati in 5 delle ultime 6 partite. Oggi Orlando ha una lunga sfilza di sospesi dopo il fattaccio con Detroit, ad iniziare da Wagner. Tra loro non c’è Paolo Banchero che però arriva da 2 prove deludenti e nelle ultime 5 partite ha superato i 20 punti solo 1 volta. Cavalcare ancora Banchero? La tentazione c’è, ma forse è più saggio prendersi un turno di pausa in una partita non molto bella sulla carta.

Atlanda Hawks-LA Lakers

Altri 27 punti di Lebron James contro Miami, ma altra sconfitta per i Lakers. LeBron sta segnando 27.8 punti, 8.1 rimbalzi e 6.6 assist di media. Il King ha giocato 60 partite in carriera contro Atlanta tenendo una media di 27.3 punti, 8.0 rimbalzi e 7.3 assist. Atlanta senza Trae Young, Clint Capela e De’Andre Hunter che insieme sommano 54,3 punti di media sui 114,3 che segnano in totale gli Hawks. Oggi James ha una linea Punti+Rimbalzi+Assist a 44,5.

Toronto Raptors-Phoenix Suns

Suns senza Cameron Payne, Landry Shamet, Cam Johnson e ovviamente Devin Booker. In tutto questo nell’ultima partita Deandre Ayton ha segnato 31 punti e ve lo segnaliamo anche oggi a Toronto con i Raptors in back to back (Van Vleet in forse, Achiuwa out).

Chicago Bulls-Detroit Pistons

I Bulls hanno vinto 11 partite di fila contro i rivali di Detroit. DeMar DeRozan ha segnato 42 punti nell’ultima uscita contro la difesa dei Bucks, dopo i 31 contro Houston, e potrebbe replicare anche contro la difesa dei Pistons, 29° per punti concessi (118.5), 26° al tiro (48.6%).

Milwaukee Bucks-Minnesota Timberwolves

Dopo aver concesso 43 punti a Zion Williamson, oggi i Timberwolves sfidano i Bucks di Giannis Antetokounmpo che rientrano da un road-trip da 1-4, il peggior rendimento stagionale. Minnesota sta faticando senza Towns (out anche Anderson). Giannis a Chicago ha comunque segnato 45 punti, 3° partita nelle ultime 5 in cui segna 42+ punti ma oggi ha una linea comunque alta a 35,5. I Bucks si affidano però più che mai al greco visto che devono fare ancora a meno di Middleton ed è in dubbio anche Holiday.

New Orleans Pelicans-Philadelphia 76ers

Zion Williamson arriva da una grande prova come abbiamo detto, e in stagione segna 25.8 punti, 7.0 rimbalzi e 4.7 assist col 60.7% al tiro. Grande sfida con Joel Embiid che ha segnato 48 piunti nell’ultima partita, oltre ai 26 punti con 13 assisti James Harden che però non sono bastati. Attenzione però a Philadelphia che ha messo probabile lo status di Tyrese Maxey che aveva tenuto una media di 22.9 punti con 4.4 assist e 3.5 rimbalzi in 15 partite prima dell’infortunio.

Denver Nuggets-Miami Heat

Denver ha giocato l’ultima senza Jeff Green, Jamal Murray, Aaron Gordon e Bruce Brown (i primi due sicuramente out, gli ultimi due in forse per oggi). Ovviamente Nikola Jokic è il punto di riferimento dei Nuggets, non dobbiamo dirvelo certo noi, quindi andiamo a segnalare un altro giocatore che ha trovato minutaggio (31) in assenza di Green, e che cercherà di sfruttare questa occasione al meglio, Zeke Nnaji che ha messo a segno 14 punti, andando sistematicamente in lunetta.

Golden State Warriors-Portland Trail Blazers

Warriors senza Stephen Curry, ma giocano in casa ed è dato in rientro Andrew Wiggins che però arriva da una lunga assenza e non lo rischierei subito (ammesso che giochi). Jordan Poole ha segnato 27,5 punti di media nelle ultime 7, e rientra dal turno di riposo anche Klay Thompson (29 punti con 5 triple nell’ultima prestazione. Sono loro i due giocatori più affidabili di Golden State al momento.

Sacramento Kings-Utah Jazz

Nell’ultima partita contro i Nuggets, ben 3 giocatori dei Kings hanno segnato oltre il trentello: Malik Monk (33), De’Aaron Fox (31+13 assist) e Domantas Sabonis (31+10 rimbalzi). La difesa dei Jazz è 23° per punti subiti (116.1) e 25° come percentuale dal campo (28.2%). Modesto anche il rendimento a rimbalzo di Utah, la linea 33,5 Punti+Rimbalzi di Sabonis è da valutare.

betting online

Bonus Benvenuto: fino a €450


Il bonus benvenuto di Sisal è riservato ai nuovi iscritti. Ricevi subito €100 in Fun Bonus + fino a €50 sul primo deposito + fino a €300 in 30 settimane.

5.0

Bonus Benvenuto: fino a €25

 

Il bonus benvenuto di FantasyTeam offre un bonus del 50% dell’importo della prima scommessa fino a un massimo di 25€

4.0

Bonus Benvenuto: fino a €505

 


Il bonus benvenuto di Goldbet offre il 100% del tuo primo deposito fino a 500€ in Bonus Sport + un Bonus Virtual pari a 5€.

4.5

Pronostici NBA 30 Dicembre-1 gennaio: le partite di sabato

Indiana Pacers-LA Clippers

Nel precedente di novembre a LAC, Tyrese Haliburton (15 punti con 6/16 al tiro) non trovò rimedio contro la difesa dei Clippers (pur servendo 11 assist), in una partita in cui Indiana si confermò inadeguata sotto canestro, concedendo ad Ivica Zubac una prestazione da sogno da 31 punti e 29 rimbalzi, numeri comunque gonfiati dalle assenze di Paul George e Kawhi Leonard che dovrebbero esserci rispetto ad allora.

Charlotte Hornets-Brooklyn Nets

I Nets da metà dicembre sono stati la squadra più calda della lega e una di queste vittorie è arrivata contro i pessimi Hornets, bombardati dai 33 punti e 9 assist di Kyrie Irving, con Kevin Durant vicino alla tripla doppia (29+9 rimbalzi e 8 assist). KD arriva da una prova da 26+16+8, non mi sorprenderei di vederlo in doppia-doppia anche questa volta a Charlotte. Il rischio con gli Hornets non è certo la difesa, 28° con 117.9 punti concessi (47.8% dal campo, 24°) ma è il garbage sempre possibile e dietro ogni angolo, pronto a scombinare i piani sulle prop bet.

Chicago Bulls-Cleveland Cavaliers

Nel primo scontro a Cleveland i Cavaliers dominarono con la difesa lasciando i Bulls al 40% dal campo e il 24% da tre, in difficoltà ad iniziare da DeMar DeRozan con 13 punti (7 dei quali a cronometro fermo). Per i Cavs 32 punti, 9 rimbalzi e 8 assist di Donovan Mitchell che guida l’attacco di Cleveland con 28.4 punti di media, il suo miglior dato in carriera. Occhio anche ai lunghi dei Cavaliers, Jarrett Allen ed Evan Mobley. I Bulls sono molto modesti come efficenza a rimbalzo. Contro i Bucks ne hanno concessi 61, e avevano perso la battaglia a rimbalzo anche nel precedente di inizio stagione a Cleveland (non c’era Mobley ma 12 rimbalzi dalla panchina per Love).

Houston Rockets-NY Knicks

I Knicks sono passati da una striscia vincente a ripiombare nel baratro di una striscia perdente, complici anche le assenze di RJ Barrett (ancora out) e Jalen Brunson (in dubbio). In queste condizioni non sta bastando nemmeno un super Julius Randle che vi avevamo segnalato in varie salse anche lo scorso report, e che ci ha ripagato con 41 punti, 11 rimbalzi e 6/13 da tre. Lo stesso triplo consiglio lo riproponiamo anche nella sfida contro la difesa di Houston, 22° come punti concessi (116.1), 21° come percentuale al tiro (45,5%) e 23° da tre (34.3%) anche se l’efficenza a rimbalzo dei Rockets è di alto livello, quindi date priorità ai punti e alle triple, stando sempre attenti alle condizioni di Brunson che ovviamente sposterebbe anche le linee di Randle in caso di rientro.

San Antonio Spurs-Dallas Mavericks

Luka Doncic da libri di storia con la tripla doppia contro NYK, bissata con quella contro Houston, e potrebbe arrivare anche il tris contro una delle peggiori squadre della lega, sicuramente peggior difesa come punti concessi (30°, 120.3), percentuale al tiro (30°, 50.1%) e da tre (39.2%), gli Spurs, un vero disastro aggravato pure dal pessimo rendimento a rimbalzo di questa squadra, quindi attenzione anche a Chris Wood che nell’ultima contro gli ex Rockets ha supportato Doncic con 21 punti e 6 rimbalzi.

Memphis Grizzlies-New Orleans Pelicans

Nel doppio confronto di novembre 1 vittoria a testa, sempre per la squadra di casa. Nel confronto più recente a Memphis arrivarono 23 punti e 11 assist di Ja Morant. Attenzione proprio agli assist della stella dei Grizzlies, ne ha serviti ben 17 a Toronto e in 7 delle ultime 10 partite ha chiuso in doppia cifra in questa categoria. In quell’occasione brutta prova per Zion Williamson, costretto a 14 punti dalla difesa di Memphis e assente nel primo scontro in casa in cui a fare la differenza per i Pelicans ci furono 30 punti di CJ McCollum con 7/13 dalla lunga distanza. Il punto debole della difesa dei Grizzlies è da tre (17° col 33,6% concesso agli avversari). McCollum ha messo a segno 3+ triple in ognuna delle ultime 7 partite (3.4 di media nelle ultime 10).

Minnesota Timberwolves-Detroit Pistons

Queste squadre giocheranno entrambe in back to back questa sfida, quindi andateci piano. Per i Timberwolves viene da citare il leader offensivo Anthony Edwards che segna 23,5 punti di media stagionale, un numero salito a 28.8 nelle ultime 6. Non sto a ripetermi sulla pessima difesa dei Pistons su cui ho parlato anche prima.

Oklahoma City Thunder-Philadelphia 76ers

Anche questa partita vede i 76ers in back to back, quindi attenzione, anche se i Thunder potrebbero soffrire la presenza e i centimetri di Joel Embiid sotto canestro. Per OKC invece Shai Gilgeous-Alexander continua a guidare l’attacco con numeri eccezionali (31.4 di media stagionale) anche se nelle ultime 2 si è fermato sotto al trentello (28+28) nonostante sfidasse due delle peggiori difese NBA. Questa volta sfida i 76ers che sono tra i migliori: 2° come punti concessi (108.0), 8° al tiro (46,2%) e 1° in assoluto sul perimetro (32.9% da tre).

Utah Jazz-Miami Heat

Altro doppio back to back e squadre di cui abbiamo già parlato. Qui potrei però citare l’importanza di Bam Adebayo contro la modesta difesa dei Jazz, con numeri negativi anche a rimbalzo. Adebayo ha una media di 34 Punti+Rimbalzi nelle ultime 4 partite ma con i b2b e l’infermeria sempre in agitazione di Miami c’è da andare con i piedi di piombo anche qui,

Pronostici NBA 30 Dicembre-1 gennaio: i match di domenica

Memphis Grizzlies-Sacramento Kings

Il 2023 inizia con 3 partite, tutte nella notte. Iniziamo dal 3° atto tra Grizzlies e Kings, al momento sul 1-1. Nella sfida più recente di fine novembre, giocata a Memphis, Ja Morant perse la partita ma vinse la sfida a distanza personale con D’Aaron Fox, con 34 punti contro i 32 della stella dei Kings a cui era toccata la stessa sorte ad inizio stagione, nella sconfitta interna in cui i suoi 27 punti non bastarono (22 per Ja, ma a quel tempo Memphis contava ancora sul miglior Bane da 31 punti). In queste 2 partite la costante è stata la fatica che ha fatto a livello realizzativo Domantas Sabonis che ha segnato in tutto solo 20 punti (11+9) seppur sfiorando la tripla doppia in entrambe le occasioni con 11+13 rimbalzi e 9+8 assist.

Milwaukee Bucks-Washington Wizards

La difesa dei Wizards è buona internamente, ma è un disastro sul perimetro, col 37.2% concesso da tre agli avversari (28°). Nell’ultima partita Grayson Allen se ne è prese personalmente la bellezza di 14, mettendone a referto solo 3. Meglio valutare la linea di Pat Connaughton che prima dello 0/3 a Chicago aveva segnato 2+ triple in 5 prestazioni consecutive per un giocatore che non ha un alto minutaggio e che non si prende molte triple, ma che ha il giusto grado di affidabilità per essere imbeccato in una sfida di questo tipo.

Denver Nuggets-Boston Celtics

Big match tra leader nelle rispettive Conference e che si sono già affrontate in stagione, al TD Garden con 131-112 dei Celtics e Jayson Tatum (34 punti) che vinse la sfida personale con un altro candidato al titolo di mvp, Nikola Jokic (29 punti). Preparate i pop corn per un inizio d’anno scoppiettante anche questa volta. Jayson Tatum segna 31.0 punti di media in stagione, ed è leader dei Celtics anche nei rimbalzi (8.1). Jokic è leader dei suoi praticamente in tutte le statistiche principali: punti (25.7), rimbalzi (10.8) ed assist (9.4), oltre alle palle rubate, 1.5 a partita. I Celtics sono però la 2° miglior squadra nelle statistiche di assist/turnover (+1.93, solo Phoenix fa meglio con +2).

Segui il nuovo canale BETTING MANIAC su Telegram. Accedi da QUI al canale gratuito e se ti piace il nostro lavoro, e vuoi ricevere tutti i contenuti quotidiani di 7 tipster su tutti gli sport, entra nel VIP con le nostre promozioni speciali. Entri gratis, o con meno di un caffè al giorno! Inizia a vincere con noi ed approcciati alle scommesse in modo più professionale. Siamo anche su INSTAGRAM.

Comparatore Scommesse

Bonus Benvenuto: fino a €450

Il bonus benvenuto di Sisal è riservato ai nuovi iscritti. Ricevi subito €100 in Fun Bonus + fino a €50 sul primo deposito + fino a €300 in 30 settimane.

Bonus Benvenuto: fino a €25

Il bonus benvenuto di FantasyTeam offre un bonus del 50% dell’importo della prima scommessa fino a un massimo di 25€

Bonus Benvenuto: fino a €505

Il bonus benvenuto di Goldbet offre il 100% del tuo primo deposito fino a 500€ in Bonus Sport + un Bonus Virtual pari a 5€.

Bonus Benvenuto: fino a €100

Bonus Benvenuto BetN1: per i nuovi clienti il 100% del primo deposito fino a 100€ inserendo il codice WBSPORT100
Bonus Benvenuto: fino a €100

Il bonus benvenuto di Starcasinò Bet è riservato ai nuovi iscritti. Ricevi subito un bonus del 50% fino ad un massimo di €100.