Pronostici NCAAB March Madness. Conclusi I conference tournament, la stagione di College Basket entra nel caldo con il torneo NCAA che catalizza grande interesse mediatico e anche nelle scommesse. Ecco tutto quello che c’è da sapere sul torneo al via dal 14 marzo.

Pronostici NCAAB March Madness: Power Ranking, i favoriti

1-Alabama Crimson Tide
Programma di grande talento sia offensivo che difensivo, con la stella Brandon Miller a guidare ma ci sono anche Noah Clowney, Jahvon Quinerly e Mark Sears, e questa è la squadra che tira più da tre in tutta la nazione. Non era mai successo che i Tide arrivassero al torneo NCAA col seed #1. Alabama ha anche vinto il torneo di SEC e le Final Four sono alla portata.

2-Purdue Boilmakers
Hanno faticato ma rispettato le attese vincendo il torneo di conference e si presentano con un super Zach Edey. Forse il quintetto di Alabama è migliore, ma anche il supporting cast di Purdue è importante e offre tante scelte con Braden Smith, Fletcher Loyer, Mason Gillis, Caleb Furst ed Ethan Morton, a formare una squadra molto solida anche in difesa.

3-Kansas Jayhawks
I campioni in carica hanno l’imbarazzo della scelta offensivamente parlando. La stella è Jalen Wilson, ma c’è anche Gradey Dick. I Jayhawks non sono però molto profondi come roster, anche se l’esperienza non manca per un programma da 33 anni consecutivi al torneo NCAA. Del resto qui si respira letteralmente pallacanestro, e la buona notizia è che l’artefice della squadra, coach Bill Self, tornerà in panchina dopo aver saltato il torneo di Big-12 per problemi medici.

4-Houston Cougars
Il passo falso contro Memphis e le condizioni di Marcus Sasser mi fanno calare la fiducia su Houston, che a dire il vero è sempre stata un pelo sotto la media. Oltre a Sasser la squadra c’è con Jamal Shead e Tramon Mark, per un programma che fa bene quasi tutto. Ha centimetri, è veloce, tira bene, ha una buona difesa e una buona esperienza, ma è anche vero che gli ho visto fare scivoloni davvero inattesi (non solo contro Memphis) e la conference più soft aiuta a fare grandi numeri durante la regular season.

5-Texas Longhorns
I Longhorns meritano la top-5, non fosse altro per la vittoria al torneo di Big-12 contro Kansas battuta 2 volte su 2 in stagione, e lasciata a 55.5 punti di media in queste sfide, dall’ottima difesa di Texas. La stagione sembrava in pericolo dopo il caso Bears, e con Rodney Terry interim coach al suo posto, ma la forza di un gruppo che conta Marcus Carr, Dylan Disu, Timmy Allen, Sir’Jabari Rice e Dillon Mitchell, si è vista è ha sopperito alla sospensione del proprio allenatore.

6-UCLA Bruins
Un programma che aveva un altissimo potenziale, ma che purtroppo arriva non al meglio al grande appuntamento, con alcuni giocatori chiave infortunati (Jaylen Clark e Adem Bona), e questo si è visto nella sconfitta contro Arizona in finale di Pac-12. In condizioni normali mi sarei giocato UCLA tra le possibili vincenti, ma così anche le Final 4 non sono scontate per Jaime Jaquez e compagni.

7-Marquette Golden Eagles
Questo programma non vinceva 28 partite in una stagione dal 1970-71, e lo ha fatto con un super attacco, rivitalizzato dagli schemi e dai giochi di Shaka Smart che si affida principalmente a Tyler Kolek. I campioni di Big East potranno mettere nei guai molti programmi.

8-Gonzaga Bulldogs
Anche in un annata che sembrava più difficili, i Bulldogs dicono sempre la loro e anche quest’anno hanno vinto la WCC guidati da un Drew Timme da 20.9 punti, 7.3 rimbalzi e 3.2 assist. Non sono gli Zags testa di serie #1 che abbiamo visto spesso negli ultimi anni, ma rimangono un programma da top-10.

9-UConn Huskies
Dopo la parte centrale di stagione in cui erano crollati, si sono ripresi con 9-2 nelle ultime partite. Gli Huskies rimangono interessanti visto che sono in top-10 in diverse statistiche importanti, e qualcosa vorrà dire, come vorranno dire le vittorie stagionali contro top team come Alabama, Marquette, Iowa State e Creighton. Adama Sanogo è il giocatore più interessante e la squadra ha un ottima difesa che mi aspetto feroce al torneo NCAA. Occhio a Connecticut (che ad inizio stagione è stata anche #1 per un paio di settimane nel mio ranking).

10-Baylor Bears
I Bears non arrivano benissimo al torneo con 4 sconfitte nelle ultime 6. Baylor è una delle squadre che gestisce più palloni e lascia meno possessi agli avversari, ma la difesa non è il massimo visto che concede più di 70 punti di media lo stesso. Mi aspetto però qualcosa in più dai Bears anche in difesa, per compensare un pò il potenziale offensivo che rimane importante con giocatori come Keyonte George (15.3 punti), Adam Flagler (15.5) e L.J. Cryer (14.5). Anche i rimbalzi e la difesa interna di Baylor sono un problema, potremmo vedere punteggi alti con i Bears in campo.

11-Arizona Wildcats
La vittoria di Pac-12 (aiutata dalle assenze di UCLA) ridà morale ad Arizona che però rimane un programma davvero strano, capace di ottime prove, come di prestazioni indecenti. Non mi lascia mai tranquillo e non si merita la top-10 per quanto mi riguarda. Il potenziale offensivo c’è tutto e il frontcourt è potenzialmente dominante con Azuolas Tubelis e Oumar Ballo. Aggiungiamoci che Kerr Kriisa oltre ad essere valido in regia, è anche un bel trash stalker che sta come fare innervosire gli avversari, e in partite da dentro fuori del genere serve tutto.

12-Xavier Musketeers
I Musketeers non sono riusciti a battere Marquette al torneo Big East e questo gli è costato un pò in termini di seed. La squadra c’è ma rispetto alle prime della classe non mi sembra altrettanto lunga come panchina e opzioni a disposizione che servono sempre al torneo NCAA.

13-Duke Blue Devils
Doveva essere l’anno della rifondazione, un anno di calo per un programma storico nel mondo del college basket, ma quando i giochi si fanno seri ecco che i Blue Devils tornano ad uscire fuori, arrivando non solo anche quest’anno al torneo NCAA, ma arrivandoci anche sulla scia di 9 vittorie consecutive, il successo al torneo di conference e un talento che sentiremo anche in futuro in NBA, Jeremy Roach. Con queste premesse siamo sicuri che le Final Four siano impossibili anche quest’anno?

14-Indiana Hoosiers
Mi ostino a tenere Indiana molto alta rispetto alle medie perché in partite da dentro fuori, quando puoi contare su giocatori di qualità e future stelle come Trayce Jackson-Davis (o Jalen Hood-Schifino cresciuto settimana dopo settimana), puoi sempre vincere, senza dimenticare che il programma di Indiana ha qualità ed esperienza anche in panchina.

15-Kansas State Wildcats
Ormai sono una certezza e non più una sorpresa in questa prima stagione con Jerome Tang da coach. In pre-season quasi tutti davano i Wildcats ultimi in Big-12, ce li troviamo in top-15 grazie a talenti esplosi durante la stagione come Keyontae Johnson (17.7 ppg, 7.0 rpg) e Markquis Nowell (16.8 ppg, 7.6 apg).

betting online
<

Bonus Benvenuto:5000€ Salva il Bottino + fino a 250€


Il bonus benvenuto di Sisal è riservato ai nuovi iscritti. Ricevi 5000€ Salva il bottino + bonus di benvenuto fino a 250€.

5.0

Bonus Benvenuto: €1.500 Senza Deposito + 100% fino €1.000 sul primo deposito


Apri un conto Betflag ricevi un bonus Senza Deposito fino a €1.500 + il 100% fino a €1.000 sul tuo primo deposito.

4.5

Bonus Benvenuto: 100% fino a €500 + 100€ senza deposito e 100 free spin


Apri un conto AdmiralBet e al primo deposito riceverai un Bonus Scommesse sbloccabile del 100% fino ad un massimo di €500, oltre a 100€ senza deposito e 100 free spin alla registrazione

4.5

Pronostici NCAAB March Madness: Power Ranking, top team di seconda fascia

16-Creighton Bluejays
Nel prestazione era uno dei programmi che mi ispirava maggiormente. In regular season Creighton ha però un pò deluso, nonostante la qualità non manchi con Ryan Kalkbrenner nominato Big East Defensive Player of the Year, ma anche con una guardia come Ryan Nembhard, i centimetri di Arthur Kaluma e un tiratore da tre letale come Trey Alexander. Occhio ai Bluejays.

17-Miami Hurricanes
Lo scorso anno la squadra di Larranaga fece le nostre fortune al torneo NCAA visto che eravamo tra i pochi ad appoggiarla a occhi chiusi, e ci ripagò arrivando alle Elite 8, obiettivo possibile anche quest’anno con un ottimo coaching staff e un giocatore di talento come Isaiah Wong.

18-Virginia Cavaliers
Virginia ha perso il torneo di ACC contro Duke ma occhio a non dare credito a questo programma che ha esperienza di gestione e anche qualche talento che potrebbe splendere al grande ballo, oltre alla solita mentalità difensiva.

19-Tennessee Volunteers
Stagione in altalena per i Vols, ma se li troviamo nella fase buona proprio al torneo NCAA potrebbero essere una spina nel fianco per chiunque anche se le amnesie offensive e i problemi di Zakai Ziegler tolgono molto potenziale in attacco. Tennessee dovrebbe basarsi sulla solida difesa e su ritmi lenti, quindi occhio ai punteggi bassi da Under con i Volunteers in campo.

20-San Diego State Aztecs
Anche quest’anno gli Aztecs hanno dominato la loro conference e dal 2010 ad oggi partecipano per la 10° volta al grande ballo. Si può dire che il programma di San Diego State abbia ormai esperienza a questi livelli e ha creato un gruppo molto interessante che potrebbe sorprendere arrivando più in la di quanto molti pensino.

21-Texas A&M Aggies
Dopo la delusione dell’eliminazione dell’anno scorso, mi aspetto che gli Aggies partano concentrati a mille al torneo NCAA e dopo aver fatto bene anche al recente torneo di conference dove hanno mollato solo in finale. Durante la stagione la panchina ha fatto un ottimo lavoro aggiustando molte cose.

22-TCU Horned Frogs
TCU ha un ottima qualità difensiva e dal ritorno di Mike Miles (17.3 ppg) è tornata a vincere con costanza. Va comunque ricordato che questa squadra sta trovando molti problemi offensivi da oltre l’arco e c’è l’infortunio della rivelazione di quest’anno, Eddie Lampkin.

23-Kentucky Wildcats
I Wildcats aprivano la stagione tra i migliori programmi secondo gli analisti, ma hanno deluso moltissimo. Per fortuna Kentucky nel finale ha ritrovato equilibrio grazie alla bravura di John Calipari in panchina, che potrà sfruttare il talento di Oscar Tshiebwe oltre a Cason Wallace e Antonio Reeves. Non dateli per morti.

24-Saint Mary’s Gaels
I Gaels arrivano da una delle migliori stagioni di sempre, dove hanno combattuto testa a testa con Gonzaga per tutto l’anno (battendo gli Zags anche in un occasione). Logan Johnson ed Aidan Mahaney formano un ottima coppia.

25-Northwestern Wildcats
Programma dai due volti, che però si è trovato ad avere un vero e proprio twist rispetto alle ultime, deludenti, stagioni, grazie in particolare al lavoro difensivo.

26-Memphis Tigers
La vittoria su Houston è una grande iniezione di fiducia per il programma di Penny Hardaway che si affida al miglior marcatore AAC, Kendric Davis (21.8 ppg) ma in questo programma c’è anche il giocatore più “anziano” della stagione, alla veneranda età di 26 anni, DeAndre Williams.

27-Arkansas Razorbacks
Per tutto l’anno i Razorbacks sono stati nelle parti basse della top-25 dei power ranking di mezzo mondo (appena fuori per me), e l’inizio del torneo NCAA non cambia la situazione di un buon programma a cui però sembra mancare qualcosa. Certamente non è il coach, l’ottimo Eric Musselman che ha guidato questo programma alle Elite 8 lo scorso anno. Non sarà comunque facile replicare.

28-Maryland Terrapins
Finale di stagione positivo per i Terrapins che hanno messo a segno diverse vittorie a sorpresa contro top team. Il problema è che non si gioca in Maryland, e fuori casa il rendimento dei Terps cala molto- Le aspettative comunque non mancano per una squadra che comunque ha ottime statistiche su entrambi i lati del campo.

29-Penn State Nittany Lions
Finale di stagione in crescita per la squadra di coach Micah Shrewsberry che principlamente si affida a Jalen Pickett, uno dei migliori prospetti della nazione. Penn State è tra le migliori squadre da tre, anche se sacrificano qualcosa interiormente (anche a livello difensivo).

30-Iowa State Cyclones
La costanza è un problema per Iowa State, e lo è maggiormente al torneo NCAA visto che parliamo di un programma che non riesce a mettere insieme 2 vittorie consecutive dallo scorso 10 gennaio. I Cyclones sono però tra le squadre che perdono meno possessi, e questo è importante al grande ballo.

Pronostici NCAAB March Madness: Power Ranking, contender in terza fascia

31-Pittsburgh Panthers
Jeff Capel riporta Pittsburgh al grande ballo per la prima volta dal 2016, dopo un annata in cui i Panthers se la sono spesso giocata alla pari con grandi squadre, grazie in particolar modo a Jamarius Burton (15.6 ppg, 4.8 rpg, 4.4 apg).

32-Florida Atlantic Owls
Stagione da 31 vittorie in una Conference comunque secondaria (C-USA). E’ un programma che ha caratteristiche interessanti, in particolare un ottimo gioco d’attacco e al tiro. Potrebbero sorprendere.

33-Michigan State Spartans
Se vedremo gli Spartans di inizio stagione attenzione a tutti. Nei tornei pre-season su campo neutro gli Spartans avevano messo a segno upset importanti, anche se poi sono andati a calare con l’inizio delle sfide di conference. Coach Tom Izzo ha esperienza da vendere e MSU è alla 25° partecipazione consecutiva al torneo NCAA (solo Kansas ne conta di più).

34-Utah State Aggies
Con coach Ryan Odom questo programma torna al grande ballo da cui mancava dal 2018, arrivandoci grazie ad una grande organizzazione offensiva e ad ottime percentuali al tiro.

35-Iowa Hawkeyes
Keegan Murray è un ottimo giocatore e l’attacco di Iowa fa paura. E’ dall’altra parte del campo che ci sono i problemi, e senza una buona difesa è difficile andare avanti in questo torneo.

36-Missouri Tigers
Squadra spettacolare, che tira e segna tantissimo, capace di tenere ritmi altissimi per tutta la partita. I problemi sono due: li riuscirà a tenere lungo tutta la durata del torneo NCAA con partite tese e ravvicinate? Inoltre sembrano mancare un pò di centimetri per una squadra che a volte esagera con lo small ball.

37-Southern California Trojans
I Trojans arrivano al grande ballo con 5 vittorie nelle ultime 7 partite anche se tante delle fortune di USC passano da Boogie Ellis e dipenderà dalle sue condizioni.

38-West Virginia Mountaineers
Bob Huggins ha salvato la situazione anche questa volta con WMU che aveva iniziato la stagione molto male, per poi andare a migliorare fino a meritarsi il torneo NCAA anche quest’anno. Ci avete fatto caso? Citiamo tanti coach perchè nel college l’allenatore vale come se non più di una stella in campo.

39-Providence Friars
Il ventilato e atteso calo rispetto allo scorso anno è arrivato, ed era quasi normale viste le perdite, ma Providence ha comunque giocato una buona stagione lo stesso e per l’8° volta negli ultimi 10 anni arriva al torneo NCAA. La stella è Bryce Hopkins (16.1 ppg, 8.5 rpg).

40-Nevada Wolf Pack
Ho sostenuto con forza Nevada per tutta la stagione, fino a farla entrare in top25 qualche settimana fa. Sono stato quasi un gufo perchè da allora le prestazioni dei Wolf Pack sono molto calate, ma per me rimane una squadra interessante guidata dal lungo Will Baker che forma una bella coppia con la guardia Jarod Lucas.

Pronostici NCAAB March Madness: Power Ranking, possibili sorprese

41-NC State Wolfpack
Non so se vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto per NC State che ha vissuto una stagione di alti e bassi, con momenti in cui sembrava potesse stare senza problemi in top-25, e altri momento di calo preoccupante. Jarkel Joiner e Terquavion Smith sono i giocatori di riferimento.

42-Mississippi State Rebels
Primo anno con coach Chris Jans in panchina, non era immediato arrivare subito al torneo NCAA e invece i Rebels ce l’hanno fatta grazie ad una delle migliori difese della nazione con soli 61.0 punti concessi di media. Il problema (grosso, anzi enorme) è l’attacco, in particolare da 3 punti dove hanno la peggior efficenza di tutti!

43-Auburn Tigers
Un anno fa Auburn era tra le candidate alla vittoria del titolo nazionale, quest’anno le cose sono molto diverse per la squadra dicoachj Bruce Pearl che ha perso molto da allora, e forse le cose hanno iniziato ad andare male proprio dalla sconfitta a sorpresa contro Miami alle Sweet 16 dello scorso anno.

44-Illinois Fightning Illini
Quest’anno gli Illini sono stati capaci di battere squadre come UCLA e Texas, per poi offrire prove imbarazzanti. Terrence Shannon Jr. (17.1 ppg, 4.7 rpg) è un ottimo giocatore e in panchina sanno come mettere mano ai problemi, ma questa squadra rimane davvero un enigma difficile da prevedere.

45-Oral Roberts Eagles
Anche qui il coach, Paul Mills, è stato l’ingrediente in più che ha permesso a Ural Roberts di giocare un ottima stagione. Ovviamente l’allenatore non basta se non hai giocatori buoni, e gli Eagles hanno Max Abmas. ORU ha vinto 17 partite di fila (record del programma), ha ottimi riferimenti metrici ne3lle statistiche di attacco e difesa, perde pochi turnover, e già 2 anni fa è arrivata alle Sweet 16 sorprendendo tutti da seed #15, e arrivando ad un passo dalle Elite Eight, col buzzer beater di Abmas fuori di pochi centimetri contro Arkansas.

46-VCU Rams
I Rams hanno perso la finale del torneo di Atlantic 10 contro Dayton, ma rimangono la squadra migliore in quella conference, e prima ne avevano vinte 9 di fila. La difesa è la forza di VCU ed Ace Baldwin è stato nominato A-10 Defensive Player of the Year.

47-Charleston Cougars
Un record di 31-3 che ha permesso ai Cougars di arrivare al grande ballo da scuola più piccola in assoluto tra quelle presenti. Sono però diversi anni che il piccolo programma di Charleston lavora bene e quest’anno la sua forza sta nel tiro da tre e a rimbalzo.

48-Boise State Broncos
La squadra di Leon Rice non avrà la qualità e soprattutto la profondità di altri programmi, ma in quanto a voglia e tenacia non è inferiore a nessuno. I Broncos hanno una delle migliori difese e in attacco guidano Marcus Shaver e Max Rice.

49-Arizona State Sun Devils
In stagione i Sun Devils sono anche riusciti a mettere a segno qualche vittoria importante (contro Arizona, ma anche contro USC al torneo di Pac-12 di recente), ma non si può dire che sia stata una stagione positiva, inoltre Arizona State arriva al grande ballo col punto interrogativo sull’allenatore: Bobby Hurley rimarrà anche il prossimo anno?

50-Santa Barbara Gauchos
I campioni Big West per 2 volte negli ultimi 3 anni sono stati guidati da Ajay Mitchell (più di 16 punti e 5 assist a sera) a 7 vittorie consecutive e alla qualificazione al Grande Ballo, un bel traguardo per coach Joe Pasternack.

Pronostici NCAAB March Madness: Power Ranking, le squadre minori

51-Kent State
52-Grand Canyon
53-Vermont
54-Drake
55-Iona
56-Colgate
57-Furman
58-Louisiana
59-Princeton
60-Kennesaw State
61-UNC Asheville
62-Montana State
63-Northern Kentucky
64-Texas A&M-CC
65-SE Missouri State
66-Howard
67-Fairleigh Dickinson
68-Texas Southern

Bracket e programma completo del torneo NCAAB

Ecco il bracket completo. Una curiosità: per la prima volta nella storia un programma (North Carolina) apriva come co-favorito per la vittoria del titolo nazionale in pre-season, e si ritrova a non essere nemmeno qualificata per il torneo NCAAB.

Event Date TV Network
-Selection Sunday March 12 CBS
-First Four March 14-15 truTV
-First Round March 16-17 CBS, truTV, TBS, TNT
-Second Round March 18-19 CBS, truTV, TBS, TNT
-Sweet 16 March 23-24 CBS, TBS
-Elite Eight March 25-26 CBS, TBS
-Final Four April 1 CBS
-National Championship Game April 3 CBS

Quote Antepost: Houston rimane la squadra da battere

Nonostante la sconfitta nella finale del torneo di conference (e una conference abbastanza soft rispetto ad altre, che aiuta anche a fare un bel record come quello dei Cougars), Houston rimane favorita dalle quote antepost, anche se oltre alla partita contro Memphis ha perso anche la #1 del ranking in favore di Alabama che invece non ha fallito al torneo SEC, ma rimane dietro nelle quote antepost nonostante abbia uno dei migliori attacchi della nazione (82.2 punti segnati di media) ma anche una delle migliori efficenza difensive, per una squadra equilibrata

Possiamo dire la stessa cosa degli UCLA Bruins che però sono stati beffati da Arizona nella finale punto a punto di Pac-12 e sono seed 2 nel quadrante di West Region. Jaime Jaquez (17.5 punti) e Tyger Campbell (13.5 ppg) sono i due giocatori più rappresentativi per una squadra molto solida anche a livello difensivo. UCLA è comunque dietro ai campioni in carica, i Kansas Jayhawks che si sono presi il seed #1 di West region di cui parlavamo prima, su UCLA. Kansas ha chiuso la stagione con un record di 27-7 e un grande potenziale offensivo (ben 4 giocatori in doppia cifra punti di media). Non dimentichiamo infine i Purdue Boilmakers che hanno uno dei giocatori più forti della nazione, Zach Edey, che sembra anche in super forma, e che sono tra i migliori programmi anche in difesa.

Vediamo gli ultimi vincitori del titolo nazionale, con le quote che avevano, e anche l’avversario battuto in finale.

2012 Kentucky @6.50 v Kansas
2013 Louisville* +800 v Michigan
2014 Connecticut @70 v Kentucky
2015 Duke @11 v Wisconsin
2016 Villanova @21 v North Carolina
2017 North Carolina @25 v Gonzaga
2018 Villanova @13 v Michigan
2019 Virginia @19 v Texas Tech
2020 COVID-19 NA COVID-19
2021 Baylor @9 v Gonzaga
2022 Kansas @20 v North Carolina

Statistiche del torneo NCAAB

Alcune statistiche interessanti e curiose sul grande ballo:

-Su 20 squadre arrivate imbattute al torneo, solo 7 hanno poi vinto il national championship.
-Solo 13 programmi nella storia del torneo sono riusciti a difendere il titolo, replicando l’anno dopo.
-UCLA è il programma con più titoli nella storia (11), ma non vince dal 1995.
-La testa di serie #1 dei ranking ha rispettato il pronostico vincendo il national championship nel 62% delle volte dal 1979 ad oggi.

Quote Antepost: Marcus Sasser favorito sul compagno Jarace Walker per l’MVP

Al momento infortunato, Marcus Sasser ha guidato Houston fino alle semifinali del torneo di conference dove si è infortunato, e ad un record di 31-3 grazie a 17.5 punti di media. In condizioni normali Sasser avrebbe dominato questa lavagna, e invece i dubbi fisici fanno alzare nettamente la sua quota, ora vicina al compagno di squadra Jarace Walker che nella stagione da freshman ha tenuto ottime media (11.0 punti, 6.7 rimbalzi e 1.8 assist).

Molto vicino anche Brandon Miller che con Alabama ha vinto il torneo di SEC segnando 23 punti con 12 rimbalzi. Parliamo di un giocatore che molti analisti proiettano in top-3 nelle scelte del draft NBA e i Crimson Tide sono tra i favoriti per il titolo. In stagione ha segnato 19.5 punti di media, a questa quota fateci un pensierino.

QUOTE ANTEPOST MVP
Marcus Sasser Cougars Houston Cougars G @9
Jarace Walker Cougars Houston Cougars F @10
Brandon Miller Crimson Tide Alabama Crimson Tide F @11
Jamal Shead Cougars Houston Cougars G @11
Jalen Wilson Jayawks Kansas Jayhawks F @11
Tyger Campbell Bruins UCLA Bruins G @13
Jaime Jaquez Bruins UCLA Bruins G @13

ULTIMI MVP NCAAB
2022 Ochai Agbaji Kansas
2021 Jared Butler Baylor
2020 No tournament
2019 Kyle Guy Virginia
2018 Donte DiVincenzo Villanova
2017 Joel Berry North Carolina
2016 Ryan Arcidiacono Villanova
2015 Tyus Jones Duke
2014 Shabazz Napier UConn
2013 Luke Hancock Louisville

Ami gli Sport USA? Segui tutti i canali di BETTING MANIAC per essere sempre aggiornato e per le migliori analisi e consigli per le scommesse.

🚀TELEGRAM BETTING MANIAC (Canale FREE)
💎TELEGRAM BETTING MANIAC (Canale VIP, contattaci per info sui servizi e su come accedere)
🇺🇸SITO BETTING MANIAC
💟INSTAGRAM BETTING MANIAC

Seguici sui nostri social:
Facebook
Twitter
Youtube
Instagram
Facebook
Twitter
Youtube
Instagram
Bet Italia Web è su Google News con le sue notizie e articoli
Comparatore Scommesse

Bonus Benvenuto:5000€ Salva il Bottino + fino a 250€


Il bonus benvenuto di Sisal è riservato ai nuovi iscritti. Ricevi 5000€ Salva il bottino + bonus di benvenuto fino a 250€.

Bonus Benvenuto: €1.500 Senza Deposito + 100% fino €1.000 sul primo deposito

Apri un conto Betflag ricevi un bonus Senza Deposito fino a €1.500 + il 100% fino a €1.000 sul tuo primo deposito.

Bonus Benvenuto: 100% fino a €500 + 100€ senza deposito e 100 free spin


Apri un conto AdmiralBet e al primo deposito riceverai un Bonus Scommesse sbloccabile del 100% fino ad un massimo di €500, oltre a 100€ senza deposito e 100 free spin alla registrazione

Bonus Benvenuto: €250 senza deposito

Apri un conto Vincitu e riceverai un ricco bonus di €250 senza deposito, da spendere nelle scommesse sportive.

Bonus Benvenuto: deposita 100€ e gioca con 150€


NetBet ti dà il benvenuto con un bonus speciale, deposita 100€ e gioca con 150€.